chiudi

MORFOLOGIA

La ricerca architettonica dello studio si esprime attraverso l’ analisi degli aspetti generativi delle forme più complesse già presenti in natura. I dati ambientali come l’acustica, il vento, il percorso solare, i flussi di persone, vengono utilizzati come input di una struttura matematica dalla quale si ottengono come output forme complesse e innovative, che rimandano a morfologie naturali e frattali. Un’architettura parametrica e generativa dalla quale emergono volumi e superfici che offrono nuove esperienze spaziali e percettive e per la quale le geometrie diventano “organismi”, sensibili alle variabili ambientali, strutturali e funzionali.

L’incontro dell'architettura con discipline quali l'ingegneria nautica ed aeronautica e l’uso di sistemi Computer Numerical Control CNC permettono di tradurre in oggetto forme ergonomiche e di reinterpretare gli spazi verticali ed orizzontali in spazi “trasversali”, onde digitali, onde in cui abitare.

BIOCLIMATICA

L’attenzione verso le esigenze di risparmio energetico e di rispetto ambientale conferiscono ai progetti un valore aggiunto di sensibilità bioclimatica.

Il corretto inserimento ambientale, l’uso di materiali specifici ed eco-sostenibili, l’utilizzo di tecnologie attive (fotovoltaici e simili) e passive (serre solari, ventilazione naturale, etc.) sono aspetti che integrano morfologie altrettanto innovative. Complessità formale, eleganza ed ecosostenibilità si fondano insieme in un unico concept progettuale.

PROGETTI

 Studio Kami Architetti ha lavorato per oltre 20 anni nella realizzazione di Concept design nel mondo. In Russia il Centro Polifunzionale di Ivanovo, presentato al MIPIM di Cannes nel 2009; inoltre ha realizzato due SPA in Mosca, in collaborazione con l’architetto Radtsig.

 In Ghana lo studio ha partecipato, in collaborazione con lo studio Giamomini, alla realizzazione del Baba Yara Sports Stadium, Kumasi Ghana 2008 e del Nuovo quartier generale di Atlas Copco a Thema, 2013.

Attualmente lo studio è impegnato nella costruzione di un edificio per uffici in Accra, che è in fase di completamento.

 Tra gli altri progetti sviluppati in campo internazionale possiamo menzionare la Torre Genetica di Dubai, La Pireus Tower di Atene 2012 e la ristrutturazione del caravanserraglio di Bam, Iran 2013.

In territorio nazionale lo studio ha portato avanti altrettanti progetti, inclusa l’installazione permanente al MAXXI, Roma; la realizzazione di Smart Office per Bridgestone Technical Centre Europe, Roma; il restyling dell’Accademia di Egitto, Roma 2010; nella riconversione di spazi industriali in uffici open space.

Recentemente Studio Kami ha incominciato una collaborazione con grandi case di moda, disegnando installazioni e scenografie per sfilate ed eventi legati al mondo del Fashion: la sfilata Valentino Haute Couture 2015 in Roma, Piazza Mignanelli. Per ultimo ma non ultimo l’installazione per lo stand Valentino al Design District Miami, dicembre 2015.

Al momento lo studio è impegnato nella realizzazione della scenografia per la sfilata per i 70 anni di Dior che si terrà a Parigi Luglio 2017, in collaborazione con l’artista Pietro Ruffo.

 Nel 2014 lo studio ha ottenuto il secondo premio al Design District di Amsterdam per la sua linea di design Custometric Italian Generative Design.